Via Vandelli

L'antica via Vandelli, strada di notevole importanza storica, poi sostituita dalla moderna e più praticabile Via Giardini, fu costruita, su commissione del Duca di Modena Francesco III° d’Este, dall' ingegnere Abate Domenico Vandelli nel 1738, per mettere in comunicazione Modena con Massa, attraverso il valico appenninico e le Alpi Apuane.

Partendo da Massa (MS), e percorrendo la via della Bassa Tambura si giunge a Resceto, da dove ha inizio il sentiero che per ragioni territoriali, non doveva attraversare lo Stato Pontificio, il Granducato di Toscana e il Ducato di Lucca. Il percorso risentì di questi impedimenti. La strada, una volta costruita, risultò bella da vedere ma in verità poco praticabile, soprattutto per il clima e la neve tipici dell'alta montagna che resero difficile l'attraversamento della catena appenninica. La gente evitò di transitarvi anche perchè abitata e infestata dai briganti ed a niente valsero le leggi in quell' epoca emanate dal Duca per evitarne il declino, che prevedevano la concessione gratuita di terreni a chi intendeva costruire case e strutture lungo tutto il percorso. L'abbandono della strada, fece entrare in crisi il Vandelli che per quelle ragioni si uccise.

La via Vandelli, che si dirigeva verso Sasso Tignoso, sopra Sant'Anna Pelago, mantenendosi spesso in quota, valicava poi l'Alpe di San Pellegrino, Di essa, se ne può ancora percorrere ed assaporare una porzione ben conservata e panoramica che attraversa nel suo insieme una serie di componenti ambientali davvero straordinari. Durante il percorso esistono ancora tracce di sentiero che conducono ad una vecchia miniera di ferro e dopo alcuni ripidi tornanti selciati si raggiunge la "finestra Vandelli", evidente intaglio nella roccia creato per permettere a suo tempo la sosta delle diligenze, oltre il quale si trova il Rifugio del CAI Nello Conti. Nel tratto che scende verso la Garfagnana, è possibile ammirare, durante lo svuotamento del bacino, il paese sommerso dal lago di Vagli (Fabbriche di Careggine), che la via Vandelli attraversava, passando sopra il caratteristico ponte. Da qui la strada proseguiva verso Vagli di Sopra, per giungere al Passo della Tambura che fu allargato artificialmente con le mine per farvi passare la Via che scende verso Resceto. In questo tratto si notano numerosi fori da piro, praticati nei tempi in cui la strada veniva utilizzata come via di lizza. La rievocazione della lizzatura ha luogo, ogni anno, proprio qui, a cura dell’Associazione Alta Tambura.

Località Massa
Zona Riviera Apuana
Regione Toscana
CAP 54100
Provincia Massa Carrara

Ottieni indicazioni stradali partendo da:

Hotel Via Vandelli

Dettagli Hotel Annunziata

Massa • Via Villafranca, 4 (MS) Centro: 4000mt. Mare: 4000mt. Autostrada: 3000mt.

Albergo situato nel centro della città di Massa, a 4 Km da Marina di Massa, ad 1 Km dalla stazione ...Leggi tutto


...nelle vicinanze di Via Vandelli (10 Hotel)


4,9 Km

Dettagli Hotel Villa Elsa

Ronchi • Via Lungomare di Levante, 71 (MS) Centro: 700mt. Mare: 15mt. Autostrada: 4500mt.

Ambiente signorile ed accogliente gestito direttamente dai proprietari impegnati a continuare una tr...Leggi tutto

19,3 Km

Dettagli Hotel Ely

Viareggio • Via Carrara, 16 (LU) Centro: 50mt. Mare: 50mt. Autostrada: 3000mt.

L'Hotel Ely offre alla sua gentile clientela un ambiente accogliente e confortevole dotato dei migli...Leggi tutto

4,7 Km

Dettagli Hotel Hermitage

Ronchi • Via Verdi 17 (MS) Centro: 250mt. Mare: 100mt. Autostrada: 5000mt.

Immerso nel verde del suo splendido parco a 100 metri dal mare e a poca distanza dalle alpi apuane e...Leggi tutto

6,3 Km

Dettagli Hotel Manuela

Cinquale • Via Giulio Cesare, 25 (MS) Centro: 300mt. Mare: 300mt. Autostrada: 5000mt.

L'Hotel Manuela, sito al Cinquale di Massa, dista circa 300 mt. dal mare ed è immerso nel verde del...Leggi tutto

4,3 Km

Dettagli Hotel Marina

Ronchi • Via Magliano 3/A (MS) Centro: 1500mt. Mare: 150mt. Autostrada: 3500mt.

L'Hotel Marina si trova in una posizione strategica: lontano dal caos in una tranquilla pinet...Leggi tutto

Torna sù