San Gimignano

Tant’è che San Gimignano ebbe una straordinaria fioritura di opere d’arte che adornarono chiese e conventi. Nel 1199 divenne libero comune, combattè contro i Vescovi di Volterra ed i comuni limitrofi, patì lotte intestine dividendosi in due fazioni al seguito degli Ardinghelli (guelfi) e dei Salvucci (ghibellini).

L’otto maggio 1300 ospitò Dante Alighieri, ambasciatore della lega guelfa in Toscana. La terribile peste del 1348 ed il successivo spopolamento gettarono San Gimignano in una grave crisi. La cittadina dovette perciò sottomettersi a Firenze. Dal degrado e abbandono dei secoli successivi si uscì soltanto quando si cominciò a riscoprire la bellezza della città, la sua importanza culturale e l’originaria identità agricola.

San Gimignano, caratteristica per la vernaccia e per le sue torri, si erge su di un colle a dominio della Val d'Elsa. Sede di un piccolo villaggio etrusco del periodo ellenistico inziò la sua storia intorno al X secolo prendendo il nome del Santo Vescovo di Modena: San Gimignano, che avrebbe salvato il borgo dalle orde barbariche. Ebbe grande sviluppo durante il Medioevo grazie alla via Francigena che lo attraversava.

Altre info: Comune San Gimignano

Regione Toscana
Zona Entroterra Toscana
Comune San Gimignano
CAP 53037
Provincia Siena
Superficie 138,6 km²
Abitanti 7 777
Frazioni Badia a Elmi, Castel San Gimignano, Pancole, San Benedetto, San Donato, Santa Lucia, Ulignano
Coordinate GPS 43°28′N 11°03′E

Ottieni indicazioni stradali partendo da: